I 4 tipi di imprenditori

I 4 Tipi di Imprenditori

Da quando svolgo il lavoro di marketer specializzato in acquisizione clienti, ho incontrato imprenditori di tutti i tipi.

Alcuni sono stati lungimiranti, con idee sopra altre idee. Altri invece si sono limitati ad eseguire bene il proprio lavoro, senza fare salti mortali e senza eccedere.

Per quanto riguarda questi ultimi, ho avvertito in loro un certo grado di paura sotto alcuni punti di vista. Non volevano mostrarsi troppo per evitare commenti o critiche dai colleghi, oppure volevano rimanere piccoli perché temevano il competitor più grosso.

Erano gelosi di ciò che avevano realizzato, temevano di essere copiati, ed erano anche poco inclini alla competizione.

Perciò, una delle cose che ho imparato in questi anni è che basta esaminare l’imprenditore a capo per capire la qualità dell’azienda. Puoi capire che aria tira in azienda semplicemente esaminando chi la gestisce, sia nel bene che nel male.

L’azienda è l’espressione dell’imprenditore.

La seconda cosa che ho imparato in questi anni di esperienza è che molti imprenditori sono “stupidi”. Non importa se hanno 10.000 mq di magazzino e parcheggio. Sono stupidi, e compiono le migliori stronzate in azienda su più fronti.

Tengo a precisare che un imprenditore non è stupido nel comportamento, ma nelle scelte fatte per la sua azienda. In tanti intraprendono ed investono senza un piano definito alle spalle, fallendo nella maggior parte dei casi.

Quei romanzi filosofici in cui “l’imprenditore deve muoversi, agire e fare” non rappresentano nemmeno la base. Tuttavia, un imprenditore che non pianifica, semplicemente, è stupido. Punto.

La terza cosa che ho imparato (la più importante di tutte) è che gli imprenditori sono classificabili, precisamente su una scala di 4 livelli.

Che tu ci creda o meno, ogni imprenditore rientra in questo schema a pieno titolo, e ad un livello ben preciso. Questo vale anche per te se sei un imprenditore: non importa se hai aperto l’azienda ieri oppure 30 anni fa. Sei classificabile ad un livello ben preciso.

Perciò, se è nel tuo interesse scoprire a quale livello ti collochi e passare al livello successivo senza farti del male, continua a leggere ciò che sto per dirti.
Alcune cose nella tua azienda non funzionano proprio perché ad ogni livello corrispondono determinate caratteristiche.

I 4 TIPI DI IMPRENDITORI: I TECNICI, I CAPI, GLI AMMINISTRATORI E GLI INVESTITORI

Gli imprenditori si dividono in 4 macro-categorie:

  1. Tecnici
  2. Capi
  3. Amministratori
  4. Investitori

Vediamo insieme cosa li contraddistingue, e a quale categoria tu fai parte.

Tipo di imprenditore n.1: Il Tecnico

I Tecnici sono imprenditori che ricevono soldi e clienti impiegando il proprio tempo. Scambiano tempo per denaro. Più lavorano e più guadagnano.

In questa categoria abbiamo a che fare con piccoli esercenti, negozianti, o professionisti che non possono fare a meno della manodopera o, generalmente, di sé stessi.
Per farti un esempio, un negoziante è un Tecnico, perché utilizza il proprio tempo ed aspetta che i clienti entrino nel negozio e comprino.

Se si assentano, non guadagnano. Se espongono il cartellino “torno subito”, infatti, non possono ricevere denaro.

Così come l’imbianchino, l’elettricista, o qualsiasi altro professionista.

In questa categoria rientrano tutti gli imprenditori che non possono fare a meno di sé stessi. Sono abituati a lavorare da soli ed al massimo hanno 1-2 dipendenti.

Qual è il problema di questa categoria? Che non appena smetti di lavorare o ti assenti per qualunque motivo, smetti anche di guadagnare.

Il Tecnico non ha procedure interne per automatizzare i processi, e non è nemmeno di delega facile. Teme le fregature, teme lo Stato e le tasse, e pur di non agevolarsi sul lavoro preferisce fare tutto da solo.

Gli imprenditori Tecnici li riconosci subito: sono quelli che quando ti parlano ti dicono “non ho mai tempo”, oppure “non vado in vacanza da 3 anni” e lavorano anche il sabato e la domenica.
Non superano il milione di fatturato annuo, e si ammazzano di fatica credendo che sia “gratificante” oppure “dignitoso con mani sporche” e che un giorno le cose andranno meglio.

Un minimo desiderio di costruire cose grandiose ce l’hanno, ma la loro paura è molto al di sopra. La paura di fallire li mantiene bloccati, perché sanno bene di non avere procedure collaudate per ottenere dei risultati specifici.

Il loro compito è quel di lavorare duro per accumulare soldi, che probabilmente non dureranno fino al mese successivo.

Nella maggior parte dei casi gli imprenditori Tecnici sono agli esordi della propria carriera oppure lo sono per scelta.
Ho conosciuto Tecnici fermi nella loro posizione da decenni, che non hanno mai voluto sapere di strutturarsi o di portare la propria azienda ad un livello superiore.

Semplicemente vivono alla settimana, o forse alla giornata.

Tipo di imprenditore n.2: Il Capo

Ad un gradino superiore abbiamo un Tecnico che ha trovato la sua strada, si è ampliato, è riuscito a far fortuna e ha deciso di far scendere in campo i propri dipendenti.
Non è più un Tecnico che esegue i lavori in prima persona, ma un Capo, un imprenditore che ordina ai propri dipendenti di eseguire i lavori.

È un miglioramento rispetto al livello precedente: l’imprenditore Capo non scambia più il proprio tempo per denaro, ma scambia (anche) il tempo del proprio personale.
Ha imparato a delegare alcuni aspetti e spesso forma il proprio personale direttamente sul campo.

Nella realtà italiana il Capo è rappresentato dal “capomastro”.

È il meccanico più abile che ha aperto l’officina ed ha assunto del personale. Oppure il commercialista che per avere un aiuto ha deciso di aprire uno studio professionale. Oppure l’avvocato con il suo studio legale, e così via.

Gli imprenditori Capi li riconosci nei loro discorsi. Parlano poco, ma sanno benissimo lamentarsi.

“Trovo solamente gente incapace”, oppure “perché assumo gente stupida che non sa fare il lavoro esattamente come lo faccio io?”, “Sono stanco di ripetere sempre le stesse cose”.
Ogni occasione è buona per scaricare la colpa sugli altri. Sono imprenditori che non hanno ben capito a quale livello sono arrivati e non hanno la concezione di responsabilità.

Amano scaricare le colpe sugli altri, quando in realtà dovrebbero imparare a creare procedure migliori.

Però preferiscono spendere il proprio tempo per rimediare agli errori commessi dal personale. La loro situazione è così grave che sono letteralmente intasati di lavoro e devono sempre essere presenti per far quadrare le cose, altrimenti la baracca chiude.

Ignorano completamente il fatto che se vogliono portare l’azienda verso il successo devono imparare a creare sistemi, in modo che il personale segua uno schema ben preciso e ripetitivo per ogni situazione, minimizzando i possibili errori.

Cosa succede se l’imprenditore si allontana per un breve periodo di tempo? I dipendenti continueranno a lavorare finché non avranno completato i task assegnati.
Dopodiché, si dedicheranno a padrone e sotto, briscola e tressette.

Al ritorno, l’azienda sarà in calo tra vendite e utili, e probabilmente ci vorrà più di una mano per risollevarla dalle condzioni semi-pietose.

Tipo di imprenditore n.3: L’Amministratore

Ci stiamo spostando su un modo diverso di fare impresa. Ai livelli 3 e 4 trovi imprenditori con mentalità diversa dai primi.
Non sono focalizzati su come ottenere più soldi, ma come ottenere del tempo extra a parità di incasso. Oppure del denaro extra a parità di tempo.

L’Amministratore è un Capo che ha imparato a creare procedure interne, ad automatizzarle, ad assumere del personale qualificato per gestire i propri dipendenti ed è focalizzato su come ottenere più denaro possibile minimizzando i costi, qualunque essi siano.

Non pensa più quali ordini impartire, ma come creare dei sistemi in modo che il personale si auto-impartisca dei compiti e mandi avanti l’azienda. È focalizzato sull’ottimizzazione e la crescita di ogni ramo della sua azienda.

L’imprenditore Amministratore non si occupa più della manodopera, non fa più lavori manuali o intellettuali che possano rubargli tempo. L’unica cosa che gli fa gola è trovare metodi, approcci, sistemi per ottenere di più automatizzando l’azienda.

La differenza tra un imprenditore Capo ed un imprenditore Amministratore è che se quest’ultimo si allontana per mesi, la sua azienda continua comunque a crescere.
Al ritorno troverà tutto come prima, esattamente come l’aveva lasciata.

Può anche assentarsi per mesi, non importa. L’azienda è affidata ai sistemi creati, non alle persone che ne fanno parte.

Tuttavia, l’unico problema di questa categoria di imprenditori è che non sono ancora in grado di automatizzare e/o delegare il controllo dell’azienda. C’è sempre quel 5% di task che richiedono il suo diretto intervento, oppure la sua presenza fisica in azienda per monitorare i vari sistemi creati.

Ha bisogno di compiere un passo in più e passare al livello successivo.

Tipo di imprenditore n.4: L’Investitore

Altro cambio di mentalità.

È un gradino al di sopra dell’imprenditore Amministratore, e il compito stavolta è quello di di automatizzare o delegare anche quel 5% di mansioni che richiedono il suo diretto intervento o la sua supervisione.

Tutto quel che era possibile rendere automatico è stato fatto. Resta solamente il problema di come distaccarsi dall’azienda senza che quest’ultima vada in rovina.

Questa categoria di imprenditori non è più focalizzata su come creare sistemi, sull’automazione o sulla delega, ma è alla ricerca dell’unica persona in grado di gestirgli l’azienda.
Cerca una persona al quale affidargli la supervisione dei sistemi, il capitale, le macchine industriali, la gestione dei dipendenti/fornitori/collaboratori ecc.

Un Manager strapagato che sappia esattamente ciò che fa.

L’Investitore è un imprenditore concentrato ad aprire nuove aziende e ad innalzare il suo tenore di vita. Mira a possedere più business per diversificare le sue entrate. Pensa ed agisce in funzione del tempo e del denaro.

Trovare queste aziende è raro. Stiamo parlando di realtà ben strutturate che rappresentano lo 0,8% sul territorio nazionale, o di multinazionali.

In queste aziende è raro trovare fisicamente l’imprenditore, dato che non è assolutamente necessaria la sua presenza.

Chi lo fa è perché è una sua volontà farlo.

Quel che ti ho appena mostrato sono i 4 Tipi di Imprenditori

Come è evidente, se vuoi far crescere la tua azienda devi applicare un approccio da Amministratore o Investitore in modo che il tuo tempo non sia un limite al tuo guadagno.
Stiamo parlando di implementare una serie di Sistemi capaci di automatizzare gran parte del lavoro, e lasciare a te il compito di monitorare ed avere il controllo su ciò che accade nella tua azienda.

Probabilmente su alcuni fronti questi sistemi li possiedi già, oppure stai trovando un modo per costruirli.

Ma per creare Sistemi devi iniziare dall’asset più importante della tua azienda: quello legato alle vendite e al marketing.

Se vendi a fatica e non hai un modo per avere sempre il denaro in cassa, impiegherai molti più anni per scalare la tua azienda.
Creare sistemi ha un costo: più soldi hai da investire, più sistemi puoi permetterti di erigere e gestire.

Senza utili e senza cassa farai un’enorme fatica per raggiungere la vetta del successo, e con molta probabilità rimarrai impantanato ancora per anni se rimanderai ciò che sto per proporti ora.

Il Metodo per creare il tuo primo Sistema di Acquisizione Clienti lo trovi all’interno di questo Kit.

Il Kit ti introdurrà al Metodo ClientiStrategici, il primo che ti permette di creare un Sistema di Acquisizione Clienti applicando il principio “Delega e Monitora”.
È il Kit pensato esattamente per gli imprenditori che vogliono creare Sistemi e rientrare a gamba tesa sul livello 3, salutando calorosamente il vincolo del tempo.

Più rimandi questa scelta, più dovrai fare delle rinunce. Se ti manca un modo per aumentare il fatturato e i tuoi margini rimanderai all’infinito i tuoi progetti.
La tua azienda deve essere in grado di auto-finanziarsi con il denaro proveniente dai tuoi clienti. Ed usare il ricavato per creare sistemi dopo sistemi.

All’interno del Kit troverai anche un Bonus che sarà la tua porta di accesso al Metodo in questione e costruire il TUO sistema.

Ma ti consiglio di far presto, perché il Kit è un’esclusiva limitata. Solamente 9 imprenditori al mese possono aggiudicarselo, e spera che non lo abbia già fatto la concorrenza prima di te.
Se sarai abbastanza svelto, potrai anche aggiudicartelo ad un prezzo ridotto, perché sono abituato a premiare chi fa poche chiacchiere e tanta sostanza.

E se la “sostanza” è ciò che vuoi mangiare quotidianamente, ti aspetto qui ==> https://clientistrategici.it/accesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *